Chemioterapiaper timoma e carcinoma timico

La chemioterapia adiuvante non è raccomandata per i tumori timici in stadio I e II radicalmente operati; nei casi in cui l’asportazione è incompleta o nella malattia allo stadio III, la radioterapia postoperatoria è il trattamento preferibile. Nei casi considerati non operabili immediatamente va valutata una terapia di induzione, con chemioterapia associata o meno a radioterapia, seguita da chirurgia.

Sono attualmente in corso di valutazione per i tumori timici l’immunoterapia e la terapia a bersaglio molecolare (per inibire la crescita del tumore con sostanze che agiscono contro fattori di crescita/enzimi o recettori).